Archivi categoria: Persone

Umberto Sinigaglia, il Valore della Terra

Ormai siamo sovrastati dall’idea che non ci sia mai abbastanza tempo.
L’assoluto “dover fare e avere” non lascia spazio al riflessivo “bisognerebbe fare per ottenere”.
Nel quotidiano le nostre azioni sono tutte veloci, quasi meccaniche.
Questo si riflette anche sul riconoscere il valore di quello che vogliamo, mangiamo e beviamo a volte Continua la lettura di Umberto Sinigaglia, il Valore della Terra

Isabella la “vidorese”

Non siamo ad un gioco a premi, ma cosa vi ricorda Vidor?
Ve lo dico io, è’ un piccolo paese del Veneto con un passato semisconosciuto e doloroso per l’Italia.
Torniamo indietro nel tempo e più precisamente nel 1917 subito dopo la disfatta di Caporetto, quando le strade di Vidor si popolarono dei resti di un esercito che attraversava il Piave in ritirata.
Gli abitanti di questo paese Continua la lettura di Isabella la “vidorese”

Metti che… una notte sogni Teo Musso

Correva l’anno 1964…
In Italia siamo in pieno boom economico, nascevano Luciana Letizzetto, Fabio Fazio e Gianluca Vialli.
Cosa c’entra tutto questo con la birra?
Nulla, ma segnatevi questa data… Il 25 marzo, proprio di quell’anno, a Carrù nasceva anche Teo Musso! Continua la lettura di Metti che… una notte sogni Teo Musso

1 Maggio 2013 – Massimo Moncini e la sua birra “Nostrale”

Nostrale è ciò che è caratteristico dei nostri luoghi, che ci regala la nostra terra, che cresce nei nostri campi.
Nostrale è il rispetto delle tradizioni, quello che ci guadagnamo col lavoro, ciò che ci spetta.
Nostrale è un vento del Quarto Stato che trasporta un amore “sereno, calmo e ragionato” come deve essere anche la lotta per ciò che è di qualità.
Nostrale è un po’ anche Massimo Moncini, fedele alla linea, con i suoi tempi, le sue idee e le sue birre. Continua la lettura di 1 Maggio 2013 – Massimo Moncini e la sua birra “Nostrale”

Brewheadz – Voglia di “cominciare”

Parti per scalare le montagne
E poi ti fermi al primo ristorante
E non ci pensi più” (cit. Brunori)
Loro non si sono fermati, anzi di strada ne hanno percorsa tanta prima di trovare la loro dimensione.
Sono passati dal mangiare la Tiella di Gaeta al servire fish and chips ed ora bevono la loro birra.
E’ un gruppo di quattro ragazzi non di Liverpool, ma di Fondi in provincia di Latina, con tanta voglia di “costruire” lontano da casa, meglio per loro e forse peggio per noi.
Continua la lettura di Brewheadz – Voglia di “cominciare”

Attenti a quei tre

La parola beershop nel vocabolario italiano non la troverete eppure adesso la si sente pronunciare spesso.
Chi non sa cos’è potrebbe dire “un negozio dove si vende la birra”.
Se così fosse ne esisterebbero migliaia.
Un beershop è un luogo dove poter trovare centinaia di birre artigianali in bottiglia, tutte diverse, da asporto o da consumare in loco. Continua la lettura di Attenti a quei tre

Nicola Coppe, l’astronomo del microuniverso


In passato, durante lo studio sulla fermentazione della birra, Pasteur era guidato da un impulso patriottico, sognava un successo di laboratorio per dare alla birra francese una reputazione superiore a quella tedesca.
La birra non poteva invecchiare, Continua la lettura di Nicola Coppe, l’astronomo del microuniverso

Davide Franchini, anche Ferrara ha la sua “Casa Libera”

Di locali dove bere birra ne trovi ormai un po’ ovunque, all’ombra del fermento che il movimento artigianale ha generato, ma pochi fanno della “cultura della birra” una missione.
Quali? Quelli che hanno come modello le Free House inglesi.
Le Free House possiedono due caratteristiche: la prima è la totale indipendenza dalla distribuzione Continua la lettura di Davide Franchini, anche Ferrara ha la sua “Casa Libera”